CONFINDUSTRIA MODA: ERCOLE BOTTO POALA ELETTO NUOVO PRESIDENTE

  • Succede a Cirillo Marcolin, diventando così il terzo Presidente della storia di Confindustria Moda 
  • La successione avviene nel segno della continuità, nella logica di alternanza delle cariche fra tessile-moda e accessori
  • Ercole Botto Poala commenta: “Grandi sfide attendono il nostro settore, raccolgo il testimone consapevole della grande importanza del portare Confindustria Moda in una nuova fase di maturazione”

Milano, 26 luglio 2022 – L’assemblea dei soci di Confindustria Moda, la Federazione Italiana che riunisce le associazioni dei settori Tessile, Moda e Accessorio, si è riunita oggi a Milano e ha nominato all’unanimità Ercole Botto Poala come nuovo Presidente. Botto Poala ricopriva già la carica di Vice Presidente della Federazione. La nomina avviene nella logica di alternanza della rappresentanza dei settori tessile-moda e accessorio e nella continuità di intenti e di progetti.

Ercole Botto Poala, classe 1971, dopo la formazione accademica e quella professionale all’estero, inizia il suo percorso in Reda occupando diversi ruoli e approfondendo la conoscenza di tutti i settori aziendali, dalla produzione al marketing, dal new business al design, fino ad arrivare a ricoprire il ruolo di Amministratore Delegato nel 2005. A partire dal febbraio 2016 ha ricoperto per oltre i 4 anni di mandato, la carica di Presidente di Milano Unica, la fiera di riferimento dei tessuti e degli accessori di alta gamma per l’abbigliamento Donna e Uomo.  Con la fine della presidenza di Cirillo Marcolin si conclude il periodo quadriennale di avvio della Federazione, che, da Statuto, prevedeva la Co-Direzione messa a disposizione dai soci fondatori di Confindustria Moda. Dopo quattro anni arrivano quindi a scadenza naturale del proprio mandato Gianfranco di Natale, nominato da Sistema Moda Italia in rappresentanza del Tessile-Abbigliamento, e Astrid Galimberti, nominata da ANFAO in rappresentanza dell’Accessorio.

Ercole Botto Poala, neo eletto Presidente commenta: “Il settore del Tessile, Moda e Accessorio, dopo i duri anni della pandemia, sta tornando a ricoprire il ruolo di uno dei principali motori dell’economia italiana e quindi di primo contributore della bilancia commerciale del Paese. Le sfide che ci attendono, come sostenibilità, digitalizzazione ed internazionalizzazione, possono essere affrontate solo lavorando in maniera unitaria, come sistema. Sarà mio compito guidare Confindustria Moda in una nuova fase della sua vita, dove l’unione sarà sempre più forte e solida”.

Il Tessile, Moda e Accessorio sta vivendo infatti un positivo avvio di 2022, nonostante le problematiche legate all’aumento dei costi di energia e materie prime, a cui si aggiungono le problematiche legate alla forte esposizione sui mercati internazionali che hanno le aziende del settore, particolarmente impattate quindi dall’instabilità causa dal conflitto russo-ucraino. Secondo le previsioni, il primo semestre 2022 dovrebbe archiviarsi con una crescita del fatturato del +16%.

L’assemblea ha inoltre tributato al Presidente uscente Cirillo Marcolin un lungo applauso e un sentito ringraziamento per l’impegno umano e professionale speso in questi anni per aver guidato la Federazione in uno dei momenti di crisi più duri della storia del Fashion Made in Italy.

Il Presidente uscente Cirillo Marcolin ha dichiarato: “Auguro a Ercole un grande in bocca al lupo per la sfida impegnativa ma estremamente affascinante che si trova oggi ad affrontare. Ercole ha una forte visione di sistema e ha una spiccata attenzione per la tutela delle diverse necessità degli attori delle nostre filiere, per questo sono sicuro sia la persona ideale per guidare Confindustria Moda verso una coesione sempre più forte e fattuale, che ci permetterà di competere sempre meglio sugli scenari globali”.